January 20, 2019

Le Speranze ed i Sogni dell’Anno Nuovo.

Da quando ho iniziato il blog, ho pubblicato un post all’inizio di ogni Nuovo Anno sottolineando le mie speranze ed i miei sogni per l’ortodonzia e per il mio blog. Ecco quello di quest’anno.

Iniziamo con l’ortodonzia…

Un maggior numero di ricerche di alto livello

Immagino non vi meravigliate nel sentirmi dire ciò. Ho la sensazione che la qualità della ricerca ortodontica sia decisamente migliorata negli ultimi decenni. I ricercatori hanno realizzato ottimi trials su argomenti clinicamente interessanti. Ma esiste sempre modo di migliorarsi. Possiamo farlo considerando le seguenti indicazioni;

  • Iniziare ricerche in aree di maggiore interesse clinico. Ad esempio,valutare i benefici del trattamento ortodontico per i nostri pazienti oppure ricercare se realmente possiamo realmente muovere i denti più rapidamente.
  • Aumentare le dimensioni dei campioni dei trials per fornire risultati su cui fare maggiore affidamento.
  • Scrivere trials seguendo le linee guida del CONSORT. Ciò renderà i lavori più facili sia da leggere sia da comprendere.

Non fare più ricerche sulla cefalometria

Capisco che tale punto possa risultare controverso.Ad ogni modo, non voglio più leggere ricerche che riportano solo valori cefalometrici. La cefalometria ha cambiato l’ortodonzia, ma la contropartita è stata che è diventata la specialità del mezzo grado.

Non posso fare a meno di pensare che abbiamo raccolto tutti i dati delle ricerche basate sulle analisi cefalometriche e continuato a presentare tabelle indecifrabili nella ricerca senza fine della significatività statistica. Tuttavia, non abbiamo trovato molto sui nostri trattamenti. Un buon passo avanti sarebbe il considerare di utilizzare risultati utili per i nostri pazienti. Attualmente si sta facendo un buon lavoro in Inghilterra, in seguito alla iniziativa COMET.

Abbiamo bisogno di un’ulteriore revisione sistematica?

Attualmente, i ricercatori stanno pubblicando molte revisioni sistematiche, di qualità e valore variabili. Ancora, dobbiamo fare dei miglioramenti in questo metodo, pur valido, di ricerca. Potremmo considerare:

  • Di non ripetere revisioni sistematiche già fatte
  • Di includere soltanto trials nelle revisioni. Non c’è motivo di fare una revisione se inseriamo dei lavori di bassa qualità
  • Cortesemente, riducete il numero di paragoni al solo scopo di ricercare risultati significativi.
  • Gli editori delle riviste dovrebbero essere più critici nell’analisi delle revisioni sottoposte. Mi domando se non se ne stiano accettando troppe

Aria fritta?

I post su questo argomento hanno rappresentato una caratteristica importante di questo blog. So anche che talvolta ne ho discusso troppo. Ad ogni modo, il problema di vendere “terapie e tecniche” senza evidenza di efficacia è un problema crescente. Questo mi porta a pensare…

I relatori di punta (KOL) si comportano come agenti di vendita

Non posso fare a meno di ritenere che questo sta diventando uno dei maggiori problemi per l’ortodonzia e per i nostri pazienti. Attualmente i KOL stanno promuovendo approcci mediante annunci selvaggi senza che vi siano prove a supporto. Dobbiamo ricordare che siamo professionisti del campo medico con il dovere di curare i nostri pazienti. I KOL, pagati profumatamente, dovrebbero mantenere un atteggiamento etico di più alto profilo rispetto alla forza vendita delle aziende. Continuerò ad evidenziare questo punto nel blog.

Piani futuri per il mio blog…

Innanzitutto vorrei ringraziare tutti coloro i quali hanno fatto donazioni, in questo modo ho potuto mantenere in vita e migliorare il blog. Al momento ho fondi sufficienti per migliorare i server, per commissionare un nuovo sito e coprire i costi ricorrenti fino ad Aprile di quest’anno. A questo punto, aprirò ad ulteriori donazioni per coprire i costi annuali di funzionamento di £2.500 per il 2019-2020.

Altri obiettivi

  • Dovrò fare più post dal momento che sto per andare in pensione dall’Università di Manchester. La speranza è che possa essere per la metà dell’anno, così potrò dedicare più tempo al blog. Così non rimarrò fermo e ciò farà risorgere la mia carriera di giochi al computer!
  • Commissionerò un maggior numero di post esterni. L’anno scorso hanno riscosso un notevole successo. Penso facciano bene al lettore che così avrà modo di distaccarsi un po’ ogni settimana dalle mie farneticazioni
  • Considererò l’ipotesi di inserire case report e consigli clinici. Ad ogni modo, dovrò prestare attenzione ai consensi informati ed alla riservatezza deipazienti.
  • Riconsidererò la diffusione e l’uso dell’app gratuita. Questa è piuttosto costosa, circa 1,000£ l’anno e non credo di poter giustificare l’uso dei fondi provenienti dalle donazioni a support.

Per ora tutto qui. Tornerò a pubblicare post regolarmente la settimana prossima, al ritorno dalle lunghe vacanze inglesi di Natale.

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Your e-mail address will not be published. Required fields are marked *